sabato 21 settembre 2019 • 00:48.48 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
Archivio Speciali 
 
Gorgo Montallegro
Veduta aerea del Lago Gorgo di Mantallegro [click per ingrandire l'immagine] Poco conosciuto rispetto ad altri bacini, il laghetto Gorgo è un paradiso di ornitologia, un museo vivente all'aperto, per gli studiosi e per chiunque abbia voglia di osservare la natura incontaminata.

Nato come bacino artificiale, infatti, ha rapidamente assunto il ruolo e la configurazione di un luogo di transito ideale per gli uccelli migratori fra l'Africa e l'Europa.
Situato nella Sicilia meridionale, tra Agrigento e Sciacca, il laghetto ricade per intero nel territorio comunale di Montallegro, in prossimità del mare.

Partendo da Agrigento è necessario procedere in direzione di Sciacca fino al paese di Montallegro.
Proseguendo sulla strada statale, dopo circa due chilometri, si incontra il Laghetto Gorgo.
Il Laghetto Gorgo di Montallegro è di proprietà dell'Esa (Ente Sviluppo Agricolo) ed è stato affidato in gestione alla Lipu che ne ha fatto un’oasi, una delle prime aree protette attrezzata per la fruizione e la visita guidata.

Lago Gorgo di Mantallegro [click per ingrandire l'immagine] All’interno, infatti, è possibile seguire un sentiero che percorre gran parte del perimetro del lago e si conclude con un capanno di osservazione mascherato di cannucce, da dove poter osservare gli uccelli limitando il disturbo.

L'oasi del lago di Montallegro si estende per una superficie totale di 500.000 mtq ed è un importante punto di sosta e di nidificazione per numerosi uccelli migratori e passeriformi come l'Usignolo di Fiume ed altre specie come il già citato e raro Airone Rosso e la rara Tartaruga Palustre europea, il Mignattaio, lo Svasso Maggiore ed il Cormorano.

  La Flora  


L'oasi non offre una ricca vegetazione, quindi diventa una vera attrazione soprattutto per gli amanti di birdwatching. Il bacino artificiale, infatti, è in una fase di rinaturalizzazione e comprende diverse tipologie ambientali: dalle acque basse e fangose con piccoli e densi canneti, fino alle acque fonde e alla vegetazione ripariale che si espande lungo le sponde del laghetto.

  La Fauna  


Il simbolo del Lago Gorgo è certamente la Tartaruga Palustre, un raro rettile siciliano che qui non è difficile da incontrare mentre prende il sole sulle sponde del lago, proprio perché in quest’oasi vive una popolazione stabile e numerosa di questa specie.

Seppur di origine artificiale, quest’oasi ha sempre richiamato una moltitudine variegata di animali e insetti tra cui spiccano, specialmente nei mesi estivi, farfalle e libellule.

Tra le biodiversità merita particolare menzione l’avifauna. Le acque profonde del lago, quelle centrali, sono frequentate da gruppi di Cormorani e Svassi Maggiori e, durante il periodo di migrazione, anche da Moriglioni e Morette.
Vicino alle sponde, specialmente nei mesi invernali, è possibile incontrare diversi tipi di Airone e, in particolare, l’Airone Cinerino, ma anche la Garzetta, la Nitticora e molte anatre come la Marzaiola, il Mestolone, la Canapiglia, il Codone e il Fischione. Non di rado si incontrano anche diversi limicoli come il Piro Piro Piccolo, il Chiurlo, il Beccaccino e il Combattente, la Pantana, l’Albastrello e il Piovanello Pancianera.

Tra la vegetazione palustre, infine, si possono scorgere i nidi del Tuffetto, della Folaga e del Cannaiolo, mentre nei boschi limitrofi di Salice e Tamerice nidificano moltissime specie di passeriformi.


Collegamento alla pagina con l'elenco completo dei laghi di Sicilia
Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti