Vai al nuovo sito web SiciliaParchi.it

mercoledì 28 ottobre 2020 • 03:20.44 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
Visualizza Riserve per:
ProvinciaEnte Gestore
 
Riserve naturali della provincia di Agrigento
Linosa e Lampione
Linosa e Lampione

Estensione totale: 266,87 Ha;
Riferimenti geografici: I.G.M.I. 1:25.000; FFgg.: 265 II S.E. – II S.O.

Linosa, più vicina alle coste africane che alla Sicilia, è la seconda isola delle Pelagie, estesa per appena 6 km quadri. 

La Riserva naturale Isole Pelagie Linosa e Lampione è stata istituita nel 2000, ricade nel comune di Lampedusa e Linosa è gestita dall’Azienda delle Foreste Demaniali. Costituisce un ambiente particolarissimo, in cui crescono oltre 200 specie vegetali , fra cui l’Erodium neuradifolium linosace. Muschi e licheni, misti a vegetazione rupestre, costituiscono il paesaggio abituale. Fauna: Linosa è rinserita nell'elenco delle più importanti aree europee di nidificazione. Questo è il regno della chiassosa berta maggiore. Narra Ulisse  la leggenda secondo cui tratterebbesi dei compagni di Diomede, tramutati in uccelli dopo un naufragio. Nei pomeriggi d'estate, attraversare in barca le acque ricoperte dallo stormo fa un certo effetto.

Accanto alla berta, sono presenti anche il coniglio, il geco e la lucertola. Sullo scoglio disabitato di Lampione, nidifica ancora il falco della regina, mentre sott'acqua si riproducono lo squalo bianco e altre specie di squali pelagici. I suoi fondali lavici nascondono grotte ricche di ittiofauna pregiata, e di alghe variopinte.

Cernie regine nuotano indisturbate nei prati di gorgonie. Donzelle e scorfani, murene e crostacei sono i veri protagonisti. In superficie, vasti terreni coltivati e case dalle facciate policrome denotano il paesaggio. Da tempo sull'isoletta opera un centro di recupero fauna selvatica, l'Hidrosfera, che si occupa di tartarughe Caretta Caretta allamate per errore. Ogni due anni è possibile assistere alla schiusa delle uova.

Come raggiungerla: Linosa si raggiunge tramite collegamento marittimo con la siremar le cui navi partono tutti i giorni da Porto Empedocle seguendo la rotta Linosa – Lampedusa.

Per informazioni sugli orari di navigazione e sui costi consultare il sito web: www.lineafutura.it/sponsor/siremar/linee.html Mentre i recapiti telefonici sono: Siremar Porto Empedocle : tel: 0922 – 636683 fax: 0922 - 636685; Siremar Linosa: tel:   0922 – 972062 fax: 0922 – 972062.

Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti