venerdì 15 novembre 2019 • 12:02.18 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
Visualizza Riserve per:
ProvinciaEnte Gestore
 
Riserve naturali della provincia di Siracusa
Villasmundo S. Alfio

La Riserva Naturale Integrata“Complesso speleologico Villasmundo - S. Alfio” è stata istituita nel 1998 ed è affidata in gestione al CUTGANA, per tutelare uno dei sistemi carsici più importanti dell’area iblea. Il territorio che ospita la Riserva è formato da due piccole, profonde valli fluviali, separate da un breve altopiano. Le valli fluviali, localmente dette cave, sono quelle del torrente Belluzza, a Nord, e del torrente Cugno di Rio, verso Sud, nel settore nord-orientale dei Monti Climiti. Le marcate diversità edafiche e microclimatiche comportano la presenza  nel territorio di differenti tipi di vegetazione che offrono aspetti paesaggistici molto diversi.

Le formazioni boschive sono quelle a querce caducifoglie e leccio. Lungo l'alveo del torrente Belluzza cresce il bosco ripale associato al Salice e all'Oleandro. Sui versanti più scoscesi e soleggiati si riscontra, invece, la macchia ad Euforbia arborea. Infine, dove ha gravato l'attività antropica, prevale la prateria steppica dominata da graminacee perenni e da pochi esemplari di Carrubo.

La grotta Villasmundo si apre alla base di una parete della destra orografica del torrente Cugno di Rio e si sviluppa per un totale di oltre 2 Km con un complesso sistema di morfotipi freatici e vadosi. Abbondanti e di particolare bellezza le concrezioni calcitiche che ricoprono le pareti. Per quanto concerne l’idrogeologia, questa è l'unica grotta attiva dei Monti Iblei ed è articolata in un corso d'acqua principale, nell'affluente, nel torrente del ramo di ingresso e nel lago terminale; invece l'ingresso della grotta Alfio, immette in un sistema ipogeo ben più piccolo.

Per quanto concerne la fauna, l’ambiente della Riserva presenta un’elevata biodiversità: sono presenti il Riccio, l'Istrice, la Volpe, la Donnola, la Martora, il Biacco maggiore, la Rana esculenta, il Ramarro, l'endemica Lucertola siciliana, il Gongilo, e il raro Colubro leopardino. Anche la ricca l’avifauna presenta specie comuni insieme a specie più interessanti come  l'Averla capirossa, la Coturnice sicula e, tra i rapaci, la  Poiana, il Gheppio e l’Aallocco.

La fauna ipogea, è infine rappresentata dall'importante artropode Armadillidium decorum. 
Pure la flora, nell'ambiente della Riserva, si presenta ricca e ben differenziata. È possibile osservare il Mirto, il Carrubo, la Calicotome, il Biancospino, la Rosa sempreverde, la Clematide e la Salsapariglia. Una rarissima specie endemica esclusiva degli Iblei, risalente all'era Terziaria, è l'Urtica rupestris, ed un altro raro endemismo siculo è la Cymbalaria pubescens. Invece nelle zone più aperte, spicca lo Spinaporci, presente in Sicilia solo negli Iblei, e i cespugli di Timo, e un'altra endemica esclusiva degli Iblei, Calendula suffruticosa ssp. gussonei, e alcune specie di orchidee spontanee.

Informazioni:
C.U.T.G.A.N.A
Centro Universitario per la Tutela e la Gestione degli Ambienti Naturali ed Agroecosistemi
Via Androne 81, 95124 Catania
tel. 095.7215769 - fax 095.7211254
e-mail:cutgana@unict.it - http://www.cutganambiente.it

Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti