domenica 24 febbraio 2019 • 00:07.47 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
Visualizza Riserve per:
ProvinciaEnte Gestore
 
Riserve naturali della provincia di Palermo
Bosco della Ficuzza
Bosco della Ficuzza

Estensione totale: 7397,49 Ha;
Riferimenti geografici: I.G.M.I. 1:25.000; FFgg.: 259 IV S.O., N.O., III N.O.; 258 I N.E., II N.E., I S.O., N.O., II N.O.;

L'esatta denominazione è: Riserva naturale orientata Bosco di Ficuzza, Rocca Busambra, Bosco del cappelliere e Gorgo del Drago. Siamo infatti in presenza di un sistema fra le più caratteristiche riserve naturali siciliane.

Ricadente nei Comuini di Marineo, Monreale, Corleone, Godrano, Mezzojuso, offre una mistione dis egni della natura e della storia, che inevitabilmente si mescolano nella visita a questo polmone verde della Sicilia occidentale. L'area di caccia, e la relativa Casina reale, furono  volute da Ferdinando III di Borbone nel XIX secolo quale residenza di caccia ai cervi, ai tempi numerosi fra le rocche che guardano a Monreale e Godrano. 

L'istituzione della riserva risale al 2000, l’ente gestore - l’Azienda Foreste - da tempo è impegnato in opera di tutela e recupero di questo immenso patrimonio comune alla nostra storia. L'area di Ficuzza offre un insieme di habitat tanto diversi da poter annoverare oltre mille diverse specioe vegetali e quasi la totalità degli animali presenti in Sicilia.

La vasta estenzione coincide con climi anche molto diversi, da qui la differenziazione della presenza delle specie. Sentieri natura attrezzati conducono a boschi di lecci, querce, roverelle e sugherete, cerri. L'elenco potrebbe essere lungo. Per gli aspetti faunistici, in maniera abbastanza rapida, diciamo che qui trovano ideale riparo gli ultimi gatti selvatici - qualche esemplare è ancora presente sull‘Etna- e donnole, ricci, volpi.  Sono purtoppo scomparsi i grandi mammiferi , come ad esempio i lupi.

Fra i luoghi di maggiore interesse: Gorgo Lungo, gorgo tondo e la peschiera del re, la Gola del drago, la grotta del Romito, l'Acqua ammucciata (nascosta), il Fanuso e la Capreria.

Ampio merito va dato all'Ente gestore, l'azienda Foreste, del lavoro di recupero ella sentieristica che  qui è stata realizzata. Esistono anche numerose aree attrezzate che permettono gradevoli soste. Infine, all'interno della Riserva opera, in sinergia con la Lipu, un centro recupero fauna selvatica con sala didattica. La Real Casina di Caccia è un buon punto di partenza.

Come raggiungerla:
La riserva può essere raggiunta da Palermo attraverso lo scorrimento veloce Palermo-Agrigento imboccando l’uscita per Bolognetta; quindi seguire le indicazioni per Marineo (SS 118) e procedere in direzione Corleone, subito dopo il lago Scanzano, si arriva al bivio per Ficuzza, svoltare a sinistra per raggiungere il piccolo centro abitato. L’accesso alla riserva è garantito dai numerosi percorsi che si dipartono dai centri di Godrano, Marineo, Corleone, Mezzojuso e Campofelice di Fitalia.

Informazioni:
Dipartimento Azienda Regionale Foreste Demaniali
Via Libertà, 97
90143 - Palermo - Italia
tel: +39 091 7906811
fax: +39 091 7906801
http://www.regione.sicilia.it/Agricolturaeforeste/Azforeste/Riserve/
Ufficio provinciale Azienda Palermo: +39 091 7078829
Distaccamento Forestale di Ficuzza: +39 091 8464062
Centro Recupero fauna selvatica: +39 091 89460107

Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti