giovedì 21 settembre 2017 • 23:03.54 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
 
Aree Marine Protette
Capogallo e Isola delle Femmine
Capogallo visto dalla costa palermitana Dominata dal tipico profilo della falesia di Capo Gallo e racchiuso nell'abbraccio ideale dell'isolotto di Isola delle femmine, stretta dunque fra due riserve naturali in un contesto segnato dalla presenza storica dell'uomo, l'Area marina protetta di Capogallo di Capo Gallo e Isola delle Femmine è stata istituita dal Ministero per l'Ambiente nel 2002 per tutelarne la specificità costituita da una biodiversità marina di eccezionale livello scientifico.

La qualità delle sue acque è testimoniata del resto dalla presenza di un fenomeno già visibile dalla costa, il marciapiede (o trottoir) a vermeti originato da un mollusco la cui calcificazione dà origine ad una struttura solida.

I fondali ricchi di cavità e depressioni, le grotte sommerse e semi sommerse danno vita ad un ambiente sottomarino ricco di ittiofauna: nella zona sottocosta ecco dunque i saraghi, gli scorfani, labridi. Nei fondali rocciosi, troviamo corvine, cernie e murene.
Non rari i dentici e il barracuda mediterraneo, che vivono indisturbati cacciando in praterie di Posidonia oceanica.
Nonostante prediliga i fondali sabbiosi, a ponente di Capo Gallo questa alga si trova anche sulla roccia.
Isola delle Femmine Una escursione subacquea rivela poi la presenza di splendidi coralli come il corallium rubrum (corallo rosso), le bellissime gorgonie rosse, di alghe con varie forme e colori e di numerose specie di spugne in particolare l'axinella cannbina volgarmente detta spubna a colonna.
La fauna marina pelagica, variabilmente con le correnti e la posizione geografica, comprende meduse della specie Rhizostoma pulmo, il cosiddetto polmone di mare. Per i grandi vertebrati pelagici l'elenco annovera le ricciole, i tonni e persino alcune tartarughe della specie Caretta caretta ed alcuni mammiferi marini.

Tanti i siti d'immersione visionabili esclusivamente con i centri diving autorizzati, uno tra i più famosi siti d'immersione è lo Jk 52; un aereo teesco della seconda guerra mondiale che giace a -47 metri di profondità.
In collaborazione con Progetto Mare.net Link al sito di Progetto Mare
[collegamento esterno, apre una nuova finestra] 

Vedi anche lo speciale
''I sentieri del mare''

Collegamento al sito web del Bed and Breackfast A' to casa. Collegamento esterno.

Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti