Vai al nuovo sito web SiciliaParchi.it

venerdì 04 dicembre 2020 • 15:54.13 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
Archivio Speciali 
 
Dal Tirreno alle isole
Superata la splendida spiaggia di San Vito Lo Capo si aprono le coste settentrionali della Sicilia, alte e rocciose, che si aprono sul Mar Tirreno con frequenti ed ampie insenature come i golfi di Castellammare del Golfo, Palermo, Termini Imprese e Milazzo.
In questa parte di costa le lunghe spiagge si alternano a litorali rocciosi ma levigati, e sono presenti diverse riserve naturali, specialmente nella zona compresa tra Palermo e Trapani: la Riserva dello Zingaro, Capo Gallo, l’isola di Ustica e la più recente Isola delle Femmine.
Fino alla zona di Cefalù le spiagge sono di sabbia fine, mentre subito dopo i fondali e le spiagge sono di ciottoli. Da non perdere la spiaggia di Capo d’Orlando una cittadina "a misura di turista" perchè sa offrire le gioie di un mare incontaminato e di un paesaggio rigoglioso.

A Capo d’Orlando è possibile coniugare il rispetto con per l’ambiente con una pratica millenaria: la pesca.
Nel borgo marinaro di San Gregorio, infatti, grazie ad un progetto promosso da Legambiente Nebrodi e l’Associazione Borgo di San Gregorio, è possibile trascorrere un periodo di vacanze vivendo a contatto con il mare e i pescatori del luogo, che coinvolgono i turisti all’attività di pesca che si svolge secondo millenarie tradizioni in un ambiente di incomparabile bellezza.
Di notevole interesse anche la spiaggia di Capo Calavà, nei pressi di Gioiosa Marea.

Proprio di fronte alle Isole Eolie, sorge una una Baia immersa in una splendida vegetazione mediterranea.
Un chilometro di spiaggia con sabbia e mare limpido.
Sullo stesso litorale è importante visitare i Laghetti di Marinello, dei laghi di acqua salmastra ai piedi del santuario di Tindari, che sono bacini temporanei originati da una serie di interventi umani nei settori idrogeografici riposti a valle nel torrente Timeto.
Il numero dei laghetti varia a seconda della stagione e delle maree, ma lo spettacolo naturale è garantito: un paesaggio bianco, verde e blu.
Da non trascurare gli innumerevoli arcipelaghi.

Oltre alle isole Egadi e Pantelleria, la perla nera del Mediterraneo di origine vulcanica; le Pelagie (Lampione, Lampedusa e Linosa) famose per le sabbie bianche e per essere luogo di deposizione delle tartarughe caretta caretta; e le Isole Eolie di origine vulcanica.

Per il materiale fotografico si ringrazia Antonino Gravano
In collaborazione con Progetto Mare.net Link al sito di Progetto Mare
[collegamento esterno, apre una nuova finestra] 

Scopri anche le
Aree Marine Protette

Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti