venerdì 15 novembre 2019 • 11:11.53 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
Archivio Speciali 
 
Strategie
• Speciale "PIANO DI SVILUPPO RURALE"
Foto: Fabrizio Raneri

Valle Alcantara (ME) - Abitazione antica realizzata in pietra lavica
[click per ingrandire l'immagine] Le misure comunitarie a favore del settore agricolo e agroindustriale sono attuate a livello regionale attraverso un programma specifico, il Piano di sviluppo rurale (PSR), che si applica a tutto il territorio regionale e prevede un pacchetto di misure molto varie a favore del settore agricolo in senso ampio.

Il nuovo regolamento per lo sviluppo rurale (Regolamento CE n. 1698/2005) prevede una serie di novità rispetto all’attuale programmazione, tra cui l’istituzione di un fondo apposito per il finanziamento dello sviluppo rurale (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - Feasr);
l’adozione di orientamenti strategici comunitari (Osc) e di un piano strategico nazionale (PSN) preliminari ai piani di sviluppo rurale (PSR);
l’individuazione di tre obiettivi prioritari (competitività dell’agricoltura e della silvicoltura; ambiente e spazio rurale; qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione delle attività economiche);
la revisione del set di misure previste nell’attuale programmazione, raggruppate in tre assi;
l’inclusione di Leader nei nuovi programmi di sviluppo rurale.

Salina (ME) - Una bottegna di prodotti tipici delle Isole Eolie
[click per ingrandire l'immagine] "Il percorso fatto di scelte e di priorità – spiega l'assessore regionale all'Agricoltura Giovanni La Via - assunte come improrogabili e necessarie per il rilancio del settore agricolo siciliano, procede con successo e con il placet dell’Unione europea, che ha ufficialmente dichiarato l’ammissibilità del Programma di sviluppo rurale per il periodo 2007-2013 alla fase di negoziazione.

Competenze e professionalità sono state messe in campo per l’elaborazione di un documento che racchiude l’essenza di una agricoltura possibile e per la quale sussistono tutte le potenzialità, che aspettano soltanto di essere espresse.
Ci attende un processo di sviluppo rurale che, accanto alla tutela del paesaggio e dell’ambiente forestale, vedrà realizzate importanti azioni volte a rendere competitive le imprese e a potenziare gli asset aziendali di quelle realtà che andranno a sfidare i mercati globali, a diversificare l’attività agricola, a proseguire nella ricerca delle bioagroenergie e a garantire la sopravvivenza dell’amplissimo patrimonio storico-cognitivo di vaste aree rurali.

Giungere a tali interessanti traguardi comporta la focalizzazione della medesima attenzione posta durante la lunga fase di negoziazione con gli stakeholder agricoli e nella quale la volontà di convergenza degli obiettivi, delle opinioni e delle proposte provenienti dalle diverse parti ha animato un vivace e costruttivo dibattito".

Altesina (EN) - Piantina di geranio
[click per ingrandire l'immagine] «Di certo - prosegue La Via - il nuovo Piano comporta una profonda rivisitazione della strategia.
In pratica, con un vincolo che prevede una massima anticipazione del finanziamento pari al 20%, non è possibile supportare piccole, piccolissime imprese, che nella grande maggioranza dei casi non dispongono di mezzi necessari per sostenere l’investimento, anche perché sono fermamente convinto – e non sono certo il solo – che per andare sul mercato ci vuole una dimensione minima aziendale.
In sostanza, la microimpresa o si aggrega o non arriverà mai sui mercati dove bisogna essere competitivi.
Allora, rispetto a questo, si è ipotizzato una soglia di accesso agli investimenti per la competitività più alta, 15 Unità di dimensione economica rispetto alle 4-5 UDE della passata programmazione.

Le piccole aziende non vengono escluse dai finanziamenti, poichè non è preclusa la possibilità di questi investimenti alle aziende più piccole, qualora si associno tra loro.
C’è un esempio che continuo a ripetere: non ha senso che un’impresa con 10 ettari di seminativo asciutto si compri il trattore e tutte le macchine seminatrici per coltivare il grano; è più logico, invece, che due imprese di 10 ettari ciascuna facciano l’investimento congiuntamente».

Link al sito dell'Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste
[sito esterno, apre una nuova finestra] Regione Siciliana
Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste

Link al sito dell'Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste
[Sito esterno, apre una nuova finestra]


Altri speciali dell'Assessorato Agricoltura e Foreste

Centri recupero fauna selvatica
Sicilia, terra di prodotti di qualità
Dipartimento Foreste
Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti