Vai al nuovo sito web SiciliaParchi.it

venerdì 19 luglio 2024 • 04:34.55 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
Archivio Speciali 
 
Proposta itinerario
Un nuovo itinerario lega insieme geologia e attività produttive del territorio.

Una parte del sentiero ''Le pietre e l'acqua'' Di recente istituzione il sentiero "Le pietre e l'acqua", è un condensato di geologia, cultura materiale ed ecosistemi unici. La particolarità che contraddistingue questo tracciato - nato dall'interesse crescente dell'Ente Parco diretto alla geologia e sostenuto dall'adesione dell'area protetta alla rete dell'European Geopark network - è la sua capacità di legare aspetti naturalistici, geologici con le attività umane stanziate nel territorio.

Tre i "sottopercorsi" di sviluppo del sentiero: del tracciato fanno parte gli itinerari "Tufo Gipsi - Area archeologica", "Mulino Petrolito - Cozzo Morto" e "San Brancato - Sant'Otiero".
Scorcio di corso d'acqua Complessivamente il sentiero si snoda per circa 37 Km, percorribili agevolmente anche grazie alle tabelle direzionali istallate. Essendo un percorso didattico - culturale il tracciato è stato dotato di cartelli informativi contenenti la spiegazione dettagliata delle emergenze presenti e l'esemplificazione, nel caso delle fenomeniche d'interesse geologico, dei processi che li hanno determinate.

Chi proviene dall'A19 Pa/Ct deve raggiungere il comune di Castellana Sicula, da dove si diparte il sentiero "Tufo Gipsi - Area archeologica", all'interno di uno dei pochi affioramenti evaporitici del territorio che ha portato alla deposizione di carbonati, gessi ed alcoidi. Poco distante è possibile scoprire l'antica "carcara", fino agli anni 60 utilizzata per la produzione del gesso.
Spostandosi a Nociazzi, frazione del comune di Castellana Sicula, ci si imbatte nell'itinerario "Mulino Petrolio - Cozzo Morto".
Un particolare del Ponte di Pietra che si incontra nell'itinerario ''Le pietre e l'acqua'' La particolarità di questo sentiero è legata alla presenza di rocce diversificate. Si passa da formazioni argillosa - marmosa ad agglomerati quarzerenitici, venendo in contatto con stanziamenti umani interessantissimi come il mulino Petrolito, uno dei tradizionali opifici ad acqua presenti nel Parco.
L'acqua, come elemento chiave di un paesaggio profondamente antropizzato, si ritrova anche nell'ultimo tracciato denominato "San Brancato - Sant'Otiero". Punto base d'escursione la SS 120 in direzione Petralia Sottana.

L'itinerario riserva interessanti passaggi che toccano numerose testimonianze umane all'interno di una natura unica, quale è quella delle Madonie. Capace di rapire e coinvolgere in ogni stagione.

  Link al sito dell'Assessorato Regionale Territorio e Ambiente
[Sito esterno, apre una nuova finestra]  Link al sito dell'Assessorato Regionale Territorio e Ambiente
[Sito esterno, apre una nuova finestra]
Assessorato Regionale Territorio Ambiente

Guarda il video del Parco delle Madonie
Guarda il Video del Parco delle Madonie

 
Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti