sabato 20 luglio 2019 • 23:54.25 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
Archivio Speciali 
 
L'Amp Ciclopi
• Speciale Area Marina protetta "I Ciclopi"

Un luogo unico
Vista dal mare di un faraglione -- foto: Andrea Randieri L'Area Marina Protetta "Isole Ciclopi", estesa per la maggior parte nel territorio di Acicastello, si affaccia su un mare cristallino sormontato dal maestoso profilo dell'Etna, il vulcano attivo più alto d'Europa.

Istituita con decreto interministeriale il 7 dicembre 1989, adesso sostituito con quello del 9 novembre del 2004 che ne ha modificato principalmente la zonazione, l'AMP Isole Ciclopi copre una superficie pari a 623 ettari e si estende da Punta Aguzza a Capomulini.

Prende il nome da un piccolo arcipelago composto dalle isole Lachea, Faraglione grande, Faraglione piccolo e da altri quattro grandi scogli disposti ad arco di fronte al paese di Acitrezza.

La gestione della riserva è affidata al consorzio "Isole dei Ciclopi", costituito dal Cutgana (Centro universitario per la tutela e la gestione degli ambienti naturali e degli agroecosistemi) dell'Università di Catania e dal Comune di Acicastello.

Storia e leggende
Castello d'Aci visto dal mare -- foto: Alfio Russo Il lembo di terra e di mare interessato dall'Amp Isole Ciclopi è nato circa 500-600 mila anni fa.
Un piccolo paradiso naturalistico unico al mondo popolato di miti e leggende. La Riviera dei Ciclopi, in cui è incastonata l'Area marina protetta Isole Ciclopi, è famosa infatti, per le vicende mitologiche pervenuteci dai grandi poeti dell'antichità: Omero e Virgilio.

La leggenda vuole che i tre faraglioni siano i massi lanciati da Polifemo contro la nave di Ulisse che fuggiva via.
E il Ciclope Polifemo ritorna ancora nel mito di Aci e Galatea. Il gigante monocolo, geloso dell'amore tra i due giovani, uccide Aci scagliandogli addosso un enorme masso. Quel masso oggi, si chiama Isola Lachea.

Acitrezza: la festa e le tradizioni
La sardara dei Malavoglia -- foto: Alfio Russo Acitrezza è anche e soprattutto un piccolo paesino di pescatori devoti a San Giovanni Battista.
E proprio durante la festa di San Giovanni Battista, in programma il 24 e il 25 giugno, si svolge la pantomima de "U' pisci a mare" inscenata da pescatori-attori trezzoti.
Una autentica 'festa dlela pesca' che si ripete ogni anno dal lontano 1750. Il piccolo porticciolo trezzoto diventa teatro della rappresentazione che, con i toni della parodia, riproduce l'antica arte della pesca del pesce spada.

Tutta la cultura, la storia, la tradizione di un popolo indissolubilmente legato al mare, si trova in questa messinscena che per l'occasione riempie il paese, oggi sede di un mercato ittico tra i più importanti della costa orientale.

Uno squarcio di vita quotidiana quello della pesca che ispirò in passato il padre del verismo Verga ne "I Malavoglia" e il film di Luchino Visconti "La terra trema".
I due capolavori possono essere rivisitati nei luoghi dei Malavoglia, nella Casa del Nespolo al centro del paese, e lungo il Parco letterario del Verga, tra lettere, filmati e fotografie inedite, oltre agli arnesi del tempo utilizzati nel film.

L'Amp Isole Ciclopi e il recupero delle tradizioni
Delle spugne di mare -- foto: Andrea Randieri Proprio l'Area Marina Protetta Isole Ciclopi ha recuperato l'antica 'sardara' di verghiana memoria usata da Padron 'Ntoni e Bastianazzu per trasportare i 'lupini' da Capomulini ad Acitrezza grazie al progetto "Trezzadamare" finanziato dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e in collaborazione con l'Istituto comprensivo Roberto Rimini.

La barca a vela latina con i colori tipici dell'antica marineria trezzota misura sette metri ed è stata 'varata' in acqua il 12 settembre del 2004.

Per la sua costruzione è stata adottata la tecnica del 'mezzo garbo'. Oggi, la sardara non trasporta più lupini, ma giovani coppie di innamorati in gita romantica tra i Faraglioni e l'Isola Lachea e soprattutto i piccolissimi velisti in erba intenti a scoprire le antiche arti marinare. Grazia alla 'Provvidenza' dei Malavoglia infatti, ogni anno l'Area Marina Protetta Isole Ciclopi organizza corsi di vela per ogni età e partecipa inoltre alle regate di imbarcazioni storiche.

Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti