mercoledì 16 gennaio 2019 • 17:02.32 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
Archivio Speciali 
 
Ente Parco

La storia del Parco delle Madonie



Paesaggio nel Parco delle Madonie L'istituzione del Parco delle Madonie risale al 9 novembre 1989, ma a ben altri periodi storici che bisogna far ascendere l'interesse di viaggiatori, naturalisti, scienziati, attorno a questo complesso montuoso ove ricadono cime tra le più antiche e più alte della Sicilia e che ospita ben il 50% delle specie della flora isolana.

Ricordate già nell'antichità dallo storico greco Diodoro Siculo, dallo scrittore romano Plinio (Mons Marones), dal geografo greco Strabone (Mons Nebrodes, denominazione che oggi è limitata alla catena occidentale della provincia di Messina), sarà ancora, in epoca normanna, il geografo al-Idrisi, incaricato da Ruggero II di redigere il Nuzhat almushtàq o Libro di Ruggero, a decantare, di queste lande imponenti, la particolare bellezza paesaggistica, l'abbonza di acque, la fertilità dei campi, la prosperità delle cittadine.

Ponte San Brancato
[click per ingrandire l'immagine] Poi, nel tempo, non v'è stata guida d'Italia o di Sicilia che non abbia dedicato decine di pagine alle Madonie e non solo per le peculiarità naturalistiche di queste splendide montagne.
L'attenzione più propriamente scientifica va, comunque, riferita a partire dalla seconda metà del settecento, quando il territorio madonita cominciò ad essere oggetto di osservazioni, indagini e studi accurati da parte di eminenti naturalisti e botanici quali Bernardino Da Ucria, Vincenzo Tineo, Giovanni Gussone, Filippo Parlatore, Gabriel Strobl, Michele Lojacono Pojero, Teodoro Fischer e soprattutto, dal castelbuonese Francesco Minà Palumbo.
A quest'ultimo vanno in particolare riconosciute l'importanza del suo straordinario contributo allo sviluppo della conoscenza delle Madonie, ma anche la consapevolezza della necessità di un approccio interdisciplinare al territorio; consapevolezza che, peraltro, anticipatrice dei più moderni metodi di indagine.
Tuttavia, solamente verso la fine degli anni sessanta, veniva posta come necessità non più deferibile la questione della istituzione di un Parco naturale, quale strumento di difesa e valorizzazione delle Madonie.

Daino selvatico
[click per ingrandire l'immagine] Il Successivo decennio vedeva così il concretizzarsi di una serie di iniziative che avrebbero sancito la nascita di una serie di iniziative all’insegna della cultura dell'ambiente, per molti versi rivoluzionaria, culminata in una legislazione specifica che ha fatto della Sicilia una delle regioni del Paese più avanzate per le conquiste conseguite.
Risale infatti al 1981 la legge regionale n°98 (Norme per l'istituzione nella Regione siciliana di Parchi e Riserve naturali), poi modificata dalla legge regionale n°14 del 1988 (Modifiche e integrazioni alla l.r. 6.5.1981 n°98).
Questa legge, di fatto, dettava le norme per l'istituzione dei tre grandi Parchi siciliani - dell'Etna, delle Madonie e dei Nebrodi - ed istituiva un iniziale gruppo di 19 Riserve naturali.

Il primo passo verso il più ampio ed integrato progetto di protezione dell'intera area madonita fu la creazione, nei primi sei mesi del 1984, di due Riserve naturali orientate, poi sciolte con l'istituzione del Parco: "Monte Quacella" e "Faggeta Madonia"; due aree contigue, estese poco meno di 3000 ettari ma di rilevante interesse naturalistico e paesaggistico.
Infine, ed è storia recente, dopo l'espletamento di tutte le complesse procedure burocratiche, il Parco delle Madonie vedeva ufficialmente la luce con il decreto dell'Assessore per il Territorio e l'Ambiente del 9 novembre 1989 (Istituzione del Parco delle Madonie e del relativo Ente di gestione).

Camini di una casa rurale nel Parco dei Nebrodi
[click per ingrandire l'immagine] Quasi 40.000 ettari di territorio venivano così posti sotto tutela: un microcosmo - un isola nell'isola, se si vuole - composito e diversificato nei suoi aspetti geomorfologici, ambientali, storici e culturali, finalmente sottratto alle politiche di "rapina", all'aggressione ed allo sfruttamento indiscriminato.
Ma anche un territorio "riconsegnato" ai madoniti, prima ancora che ai fruitori del Parco, perchè, nel riappropriarsi dell'identità e delle valenza dei luoghi in cui vivere, possano farsi garanti - essi, assieme all'Ente Parco - di una nuova progettualità capace di superare quella visione paralizzante del concetto di salvaguardia e recupero dell' ambiente naturale che, principalmente nel passato, ha rallentato - quando non ostacolato - la nascita e lo sviluppo delle aree protette in Sicilia.

Il Parco delle Madonie è frutto di un disegno indubbiamente evoluto che abbandona l'idea della "mummificazione" di un territorio da proteggere per abbracciare un moderno programma di "conservazione attiva".
Veduta di Cefalù
[click per ingrandire l'immagine] I Parchi naturali si pongono quale nuovo modello di assetto territoriale capace di "pensare" alla conservazione della natura in un quadro politico e sociale complessivo di recupero e difesa ambientale, correlato allo sviluppo ecosostenibile delle aree sottoposte a tutela. Conservazione attiva, quindi, per concorrere alla salvaguardia e alla corretta gestione dell'ambiente consentendo contestualmente migliori condizioni di abitabilità e sviluppo dell'economia.
Interazione per altro indispensabile per delineare la strategia finale del consenso da parte della popolazione residente, senza la quale un parco rimarrebbe solamente una nobile ma vana astrazione culturale.



Allegati



  1. Struttura degli organi Scarica la struttura degli organi del Parco delle Madonie in formato PDF
[click per download file]

  2. Lo statuto Scarica lo statuto del Parco delle Madonie in formato PDF
[click per download file]

  3. Regolamento Scarica il regolamento del Parco delle Madonie in formato PDF
[click per download file]

  4. Regolamento dei contributi Scarica il regolamento dei contributi del Parco delle Madonie in formato PDF
[click per download file]

  5. Testo della disciplina delle attività Scarica il testo della disciplina delle attività del Parco delle Madonie in formato PDF
[click per download file]

  6. Decreto Istitutivo Scarica Decreto Istitutivo del Parco delle Madonie in formato PDF
[click per download file]

  7. Legge Regionale Scarica la Legge Regionale del Parco delle Madonie in formato PDF
[click per download file]
Link al sito del Parco delle Madoniee
[Sito esterno, apre una nuova finestra]
  Link al sito dell'Assessorato Regionale Territorio e Ambiente
[Sito esterno, apre una nuova finestra]  Link al sito dell'Assessorato Regionale Territorio e Ambiente
[Sito esterno, apre una nuova finestra]
Assessorato Regionale Territorio Ambiente

Guarda il video del Parco delle Madonie
Guarda il Video del Parco delle Madonie

 
Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti