Vai al nuovo sito web SiciliaParchi.it

venerdì 19 luglio 2024 • 04:50.16 Collegamento alla pagina SiciliaParchi su Facebook 
[Link esterno, apre una nuova finestra]  Collegamento al canale YouTube di SiciliaParchi 
[Link esterno, apre una nuova finestra]
Imposta Sicilia Parchi come pagina iniziale  Aggiungi Sicilia Parchi.com all'elenco dei tuoi siti preferiti
        Torna alla Home Page
Icona menù "Progetto"
Icona menù "Parchi"
Icona menù "Riserve naturali"
Icona menù "Archivio News"
Icona menù "Foto e Video"
Motore di Ricerca
Archivio Speciali 
 
L'eruzione 2004
L'eruzione, di tipo effusivo, è iniziata il 7 settembre 2004 lungo la parte occidentale della Valle del Bove.
Due bocche, a quota 2620 e 2340, hanno iniziato a vomitare lava, in maniera lenta e progressiva, circa 2-3 metri cubi al secondo, circa uno per quella più in basso. Di fatto, nessun rischio per le popolazioni, ma solamente tanto spettacolo.
La valle del Bove, una grande frattura sul fianco sud est del vulcano, costituisce una protezione naturale per le città pedemontane: la lava vi si riversa senza alcun rischio.
La prima frattura eruttiva,lunga circa 230 metri, partiva dalla base orientale del Cratere di Sud Est.
La sua apertura è stata accompagnata da una seire di tremori registrati dall'Istituto di Vulcanologia.
Questa eruzione, tutt'ora in corso (gennaio 2005), è caratterizzata da una certa attività di degassamento da entrambe le bocche, che all'inizio del mese si è accompagnata anche ad un aumento del tremore.
Alla fine di dicembre sio è avuta invece una lievve attività strombiliana, con scarso lancio di lapilli di modeste proporzioni.
La colata di quota 2620 presenta un ingrottamento di due cento metri in cui scorre il magma: uno spettacolo unico.

Affacciandosi nel "forno", ci si trova a poca distanza dal fiume di fuoco, la cui temperatura sfiora i 2000 gradi.

I due bracci, nei pressi di Serra Gianicola, si ingrottano poi per ricomparire da bocche effimere poste sotto quota 2000.

Una di queste, nata il 18 gennaio, si è fermata subito dopo, ad appena 200 metri di distanza, dopo 24 ore.
L'Istituto nazionale di geofisica e Vulcanologia spiega che si tratta di un fenomeno "in linea con il quadro evolutivo tipicamente mostrato dai campi lavici basaltici dell'Etna, in cui con il procedere dell'eruzione diminuisce gradualmente l'efflusso lavico dalla bocca principale.
Questo produce il raffreddamento della parte terminale dei tunnel lavici, ed innesca dei crolli da contrazioni delle pareti.
I crolli causano ostruzioni nelle parti terminali dei tunnel lavici, e la lava, trovando il percorso ostruito, aumenta la pressione sul tetto del tunnel che si può rompere e dare una nuova bocca nella parte più alta del tunnel lavico o della frattura eruttiva.
Questo processo viene tipicamente osservato nelle fasi terminali dell'attività effusiva, quando si verifica una diminuzione della quantità di lava emessa dalla bocca principale.
Alla fine di dicembre una nuova bocca si è aperta a quota 2850 metri, affiancata dall' emissione di gas ad alta temperatura e bassa pressione.
Relativamente all'attività sismica, non sono più stati registrati altri fenomeni di tremore della terra.

Dall'analisi delle registrazioni sismiche della rete a larga banda, infatti, non si evidenziano variazioni significative dell'ampiezza del tremore vulcanico.
L'escursione, grazie al servizio di funivia, appare abbastanza agevole, a patto che si sia disposti a fare anche una passeggiata per arrivare sul teatro eruttivo.
Si tratta di un itinerario scandito da campi di sabbia vulcanica, testimonianza dell'eruzione del 2002.

A differenza dell'eruzione del 2002, non si sono registrate piogge di cenere lavica, i cui danni, in quell'occasione, furono davvero ingenti.
L'escursione, grazie al servizio di funivia, appare abbastanza agevole, a patto che si sia disposti a fare anche una passeggiata per arrivare sul teatro eruttivo. Si tratta di un itinerario scandito da campi di sabbia vulcanica, testimonianza dell'eruzione dell'ottobre 2002.

In quella occasione l'eruzione fu scandita da un boato e da una alta colonna di fumo ben visibile da mezza Sicilia. i siciliani ricordano quei giorni per i disagi causati dalla caduta di cenere lavica, oltre che per una serie di scosse che segnarono alcuni paesi pedemontani quali Santa Venerina.

 
  Scarica il video dell'eruzione 2004 Guarda il video

Nome file: etna.mpeg
Dimensione: 6.47Mb
Durata: 38 secondi

Per scaricare il video:
click con il tasto destro sul link qui di sopra, click su "Salva oggetto con nome", quindi salvare il file, anche cambiando il nome, sul computer.
Home Page • Il progetto • Mappa del sito
Accessibilità • Privacy • Credits • Links • Rassegna stampa • Contatti